• Italian EnglishFrenchGermanSpanish
I tuoi risultati di ricerca

L’orto sul terrazzo

Postato da gferret on 25 giugno 2016
| 0

Il caldo è finalmente arrivato, chi di voi ha voglia di mettersi ai fornelli per cucinare?
L’estate è il trionfo dei piatti freddi e se sono anche sani è meglio. La frutta che aiuta l’idratazione e la verdura con il suo apporto di fibre e vitamine dovrebbero diventare la portata principale di ogni pasto. Per i veri maniaci del biologico, del chilometro zero, del fai da te, c’è la soluzione: l’orto sul terrazzo. E’ una pratica sempre più diffusa, non richiede per forza grandi spazi, un po’ di tempo da dedicare al giardinaggio questo si, ma volete mettere la soddisfazione di farsi una caprese con i propri pomodori? Sgranocchiare un’insalata appena raccolta e arricchita solo di semi e uvette avendo la certezza che non sia stata trattata con sostanze chimiche?

01

Chi vuole intraprendere questa piccola avventura dovrà tenere presente alcune semplici regole.

Scegliere le specie considerando l’esposizione

Se il sole splende sul nostro balcone o giardino per gran parte della giornata, potremo piantare di tutto. Se invece è esposto a mezz’ombra, dovremo limitarci a lattughe, spinaci, valeriana, cicoria, prezzemolo, cavoli, bietola, sedano, ravanelli, cipollotti, aglio, erba cipollina, fragole, aromatiche come melissa, menta, basilico.

Vasi di dimensioni adeguate

I vasi devono avere dimensioni proporzionate allo sviluppo che potranno raggiungere le piante che devono ospitare. Piante come zucchine, meloni, angurie, gradiscono contenitori di almeno 50-60 cm di diametro e 40-50 cm di altezza. Meloni e cocomeri tuttavia non sono troppo indicati in terrazzi piccoli o medi a motivo dell’ampia superficie vegetativa sviluppata.

Pomodori, peperoni, melanzane, patate, cetrioli, cavoli, gradiscono contenitori di 40-50 cm x 30-40 cm. Lattughe, cicorie, bietole, sedani, finocchi, cipolle, agli, basilico, prezzemolo, rucola, aromatiche, ecc, si accontenteranno di 20-30 cm x 15-20 cm di altezza.

04

Vasi specifici per l’orto sul terrazzo

L’imperativo è sfruttare al massimo lo spazio, ci sono in commercio soluzioni studiate apposta poter allestire il proprio orto sul terrazzo:

02

www.madeindesign.it

www.ideegreen.it

05

Sul web abbondano anche i siti di consigli per costruirsi i contenitori su misura e con materiali di riciclo:

www.earthcare.it

07

Quando si può trapiantare?

Possiamo già mettere a dimora oltre a tutte le specie da foglia, cipolla, agli, patate, legumi, ecc. In terrazzi riparati, esposti a sud da metà- fine marzo si trapiantano i pomodori, da metà aprile anche melanzane, peperoni, cetrioli, zucchine ecc.

Il drenaggio

Porre sul fondo dei vasi uno strato di 1-3 cm di cocci, ghiaia o argilla espansa per favorire il deflusso dell’acqua in eccesso.

Rispettare le distanze

Ogni pianta necessita di un proprio spazio vitale per svilupparsi al meglio. Sarebbe bene lasciare almeno 70 cm di distanza tra le piante di zucchine, 40 cm per pomodori, peperoni, melanzane, cetrioli, cavoli, 35 cm per le cicorie, 25 cm per lattughe, bietola, sedani, finocchi, 10 cm per cipolle, porri, agli, rucola, 3 cm per carote, ravanelli, prezzemoli. I lattughini da taglio possono essere trapiantati senza distanziare i cubetti tra loro e crescono bene anche in condizioni di luminosità più scarsa. Negli spazi liberi nei vasi di peperoni, melanzane e pomodori, potremo piantare speciea ciclo più rapido e dimensione contenuta, come lattughe, ravanelli, rucola, valeriana, cipollotti, basilico ecc.

Il trapianto

Riempiamo parzialmente i contenitori con il terriccio, al quale mescoleremo un po’ di concime Bio, ed estraiamo le piantine dai vasetti dopo averle ben irrigate, senza danneggiare il pane di terra con le radici.

Posizioniamole in modo che la superficie superiore del pane di terra risulti 2-3 cm più basso del bordo del vaso. Riempiamo con il terriccio e stringiamolo bene intorno al pane di terra. Quindi irrighiamo con 1- 2 bicchieri di acqua.

L’irrigazione dopo il trapianto

Nel periodo di inizio primavera, effettuiamo una buona irrigazione delle piantine al trapianto, poi attendiamo sempre che il terriccio sia asciugato, divenendo di colore più chiaro, prima di tornare ad annaffiare.

Quando la pianta sarà cresciuta e il clima più caldo, dovremo aumentare le quantità e la frequenza degli interventi anche considerevolmente. Con esposizione al sole per gran parte della giornata, da fine giugno potrebbero anche necessitare irrigazioni quotidiane. A mezz’ombra le esigenze sono molto più contenute e bisogna evitare di eccedere per evitare un impatto negativo su produzione e sviluppo della pianta.

Quando irrigare

Sempre meglio l’irrigazione mattutina, possibilmente evitando di bagnare le foglie.

Qualche consiglio

I 10 ortaggi più facili da coltivare su un balcone:

Lattughe, di tutte le tipologie

Zucchine

Bietole da taglio e da costa

Basilico, prezzemolo e rucola

Carote e cipolle

Fragole 4 stagioni

Pomodori

Peperoni, anche piccanti

Melanzane

Sedano

N°1 – Le Lattughe: per crescere bene un cespo di lattuga ha bisogno di un contenitore non molto profondo, bastano 10/20 cm e largo quanto si vuole. Accertarsi che sia ben drenato, devono esserci alcuni fori sul fondo per evitare che l’acqua ristagni. A questo punto non occorre altro che trapiantare alcune piante di lattuga in cubetto, lasciando fuori il colletto, posizionare al sole ed annaffiare leggermente. In 30/50 giorni dal trapianto la vostra piantina di lattuga sarà già pronta da raccogliere.

N°2 – Le Zucchine: per crescere bene la zucchina ha bisogno di un contenitore profondo almeno 20 cm e largo circa 30 cm, questo è necessario per 1 sola pianta. Accertarsi che sia ben drenato, devono esserci alcuni fori sul fondo per evitare che l’acqua ristagni. A questo punto non occorre altro che trapiantare alcune piante di zucchina , posizionare al sole ed annaffiare leggermente. In 40/60 giorni dal trapianto la vostra piantina di zucchina comincerà a produrre i primi frutti e continuerà per almeno 2 mesi, dopo di che è consigliabile cambiare pianta in quanto la pianta di zucchina si esaurisce e produce meno.

N°3 – Le Bietole da taglio e da costa: per fare crescere bene le bietole da taglio e da costa usare vasi o contenitori non molto profondi, bastano 10/20 cm e largo quanto si vuole. Accertarsi che siano ben drenati, devono esserci alcuni fori sul fondo per evitare che l’acqua ristagni. A questo punto non occorre altro che trapiantare alcune piante di bietola in cubetto, lasciando fuori il colletto, posizionare al sole ed annaffiare leggermente. In 30/50 giorni dal trapianto le vostre piantine di bietole saranno pronte da raccogliere.

N°4 – Basilico, prezzemolo e rucola: per crescere bene hanno bisogno di un vaso o contenitore profondo almeno 20 cm e largo circa 10 cm minimo, questo è necessario per qualche pianta. Accertarsi che sia ben drenato, devono esserci alcuni fori sul fondo per evitare che l’acqua ristagni. A questo punto non occorre altro che trapiantare alcune piante di basilico o prezzemolo o di rucola , posizionare al sole ed annaffiare leggermente. In 30/60 giorni dal trapianto la vostre piantine di basilico cominceranno a produrre le prime fresche e profumate foglioline già pronte da consumare.

N°5 – Le Carote e le cipolle: per fare crescere bene le carote e le cipolle occorrono vasi o contenitori profondi almeno 30 cm e larghi quanto si vuole. Accertarsi che sia ben drenati, devono esserci alcuni fori sul fondo per evitare che l’acqua ristagni. A questo punto non occorre altro che trapiantare alcune piante di carote e cipolle in cubetto, posizionare al sole ed annaffiare leggermente. In 40/60 giorni dal trapianto le vostre piantine carote e cipolle saranno pronte da raccogliere. E’ consigliabile usare terriccio molto leggero per coltivare al meglio queste due specie orticole.

N°6 – Le Fragole 4 stagioni: per crescere bene le fragole hanno bisogno di vasi o contenitori, meglio se singoli, profondi almeno 30/40 cm e larghi circa 20/30 cm. Accertarsi che siano ben drenati, devono esserci alcuni fori sul fondo per evitare che l’acqua ristagni. A questo punto non occorre altro che trapiantare alcune piante di fragola, posizionare al sole ed annaffiare leggermente. In 50/80 giorni dal trapianto le vostre piantine di fragola cominceranno a produrre i primi frutti.

N°7 – I Pomodori: per crescere bene i pomodori hanno bisogno di vasi o contenitori, meglio se singoli, profondi almeno 30/40 cm e larghi circa 20/30 cm. Accertarsi che siano ben drenati, devono esserci alcuni fori sul fondo per evitare che l’acqua ristagni. A questo punto non occorre altro che trapiantare alcune piante di pomodoro, posizionare al sole ed annaffiare leggermente. In 80/100 giorni dal trapianto le vostre piantine di pomodoro anche quello piccante cominceranno a produrre i primi frutti. Sono consigliate le piante Innestate.

N°8 – I Peperoni, anche piccanti: per crescere i peperoni hanno bisogno di vasi o contenitori, meglio se singoli, profondi almeno 30 cm e larghi circa 20 cm. Accertarsi che siano ben drenati, devono esserci alcuni fori sul fondo per evitare che l’acqua ristagni. A questo punto non occorre altro che trapiantare alcune piante di peperone, posizionare al sole ed annaffiare leggermente. In 80/100 giorni dal trapianto le vostre piantine di peperone anche quello piccante cominceranno a produrre i primi frutti. Sono consigliate le piante Innestate.

N°9 – Le Melanzane: per crescere bene le melanzane hanno bisogno di vasi o contenitori, meglio se singoli, profondi almeno 40/50 cm e larghi circa 30/40 cm. Accertarsi che siano ben drenati, devono esserci alcuni fori sul fondo per evitare che l’acqua ristagni. A questo punto non occorre altro che trapiantare alcune piante di melanzana, posizionare al sole ed annaffiare leggermente. In 100/120 giorni dal trapianto le vostre piantine di melanzana cominceranno a produrre i primi frutti. Sono consigliate le piante Innestate.

  • Ricerca avanzata